Graffe



Nonostante sia un dolce di Carnevale, nei bar napoletani è possibile mangiarle ogni giorno dell'anno, anche se in una versione un pò differente rispetto a quella della ricetta tradizionale in quanto, quelle dei bar, non contengono patate. Questo Natale, di ritorno a Napoli, mi è capitato di assaggiarne alcune veramente ottime e da qui è nata l'idea di rivedere una vecchia nostra ricetta, che ovviamente prevedeva le patate, per tirarne fuori una versione senza patate. E' stato un successone!!! Sono venute davvero squisite, incredibilmente soffici e molto più leggere di quelle con le patate. Inoltre la quantità di olio assorbita durante la frittura è veramente minima. Sono assolutamente da provare!!!


Ingredienti
  • 400 g di farina di forza 
  • 100 g di latte
  • 50 g di zucchero
  • 10 g di sale
  • 50 g di burro
  • 1 uovo
  • 300 g di lievito madre
Mescolate il sale in un pochino di farina (50 g circa) e tenetelo da parte. In un recipiente sciogliere il lievito nel latte intiepidito. Aggiungere lo  zucchero, l'uovo battuto a parte e la farina. Rovesciare l'impasto su un tavolo infarinato e incorporare prima la parte di farina a cui era stato aggiunto il sale e poi il burro ammorbidito a temperatura ambiente. Formare una palla e lasciarla lievitare in un contenitore coperto per 3 ore circa. E' preferibile che la temperatura sia intorno ai 28°C.



Trascorso il tempo, rovesciare l'impasto sul piano di lavoro e suddividerlo in pezzi da 80 g circa. Da ogni pezzo ricavare una ciambella. Un metodo può essere quello di formare tante palline e di bucarle al centro con un dito. Facendo poi roteare la ciambella attorno al dito allargare il buco tanto quanto basta per evitare che si chiuda durante la lievitazione successiva. In alternativa dai pezzi di impasto si possono ricavare dei bastoncini che successivamente vengono piegati fino a sovrapporne le estremità.


Mettere a lievitare a una temperatura di 28°C circa fino al raddoppio de volume. A lievitazione ultimata friggerle in abbondante olio, lasciarle sgocciolare su carta assorbente e passarle nello zucchero semolato.